BREMA: la città dei 4 musicanti

il tuo viaggio economico, emozionante, unico

BREMA: la città dei 4 musicanti

16/05/2018 Europa Guide città 0
veduta dall'alto sul centro storico di Brema

 

In questa guida troverai:
  • Orientarsi sulla mappa di Brema
  • Come arrivare a Brema
  • Come muoversi
  • Dove dormire
  • Cosa vedere a Brema : tour di 1 o 2 giorni
  • Experience the City, oltre il solito tour

La Germania non è una meta turistica così apprezzata dagli italiani (al di fuori di Berlino e dell’Oktoberfest di Monaco, che tra l’altro è una bella città), ma in realtà nasconde delle perle di notevole bellezza come Stoccarda, Dresda, Norimberga e le città portuali che facevano parte della Lega Anseatica. Questa “lega” era nient’altro che un accordo commerciale che fu stipulato nel XII secolo a Lubecca tra varie città, portuali e non, del Nord Europa. Lo scopo era quello di facilitare il commercio con i porti di Londra, Novgorod (Russia) e Visby (Svezia) e altri porti minori. Tra le città della Lega spiccano Tallin e Riga (Repubbliche Baltiche), Danzica (Polonia), Copenaghen (Danimarca), Liegi (Belgio) e una cinquantina di città tedesche tra cui Amburgo e, appunto, Brema.

Brema non è storicamente importante solo per la Lega Anseatica, ma è anche la più antica città-stato tedesca con i suoi circa 1200 anni di storia, nonché il secondo porto commerciale della Germania dopo Amburgo. Brema sorge infatti sulle rive del fiume Weser che qui è navigabile anche dalle grandi navi commerciali in quanto si trova ad appena 60 km dal punto in cui il fiume sfocia nel Mare del Nord.

Ma ciò che ha reso famosa Brema nel mondo è la favola dei fratelli GrimmI musicanti di Brema” che racconta le avventure di un asino, un cane, un gatto e un gallo che si incontrano sulla strada per Brema. I 4 musicanti sono diventati il simbolo della città (anche se a Brema in realtà non ci arrivarono mai) e una statua dedicata a loro abbellisce una delle piazze principali.

statua dei quattro musicanti di Brema a Brema

Orientarsi sulla mappa di Brema

Il centro storico di Brema è abbastanza semplice da individuare sulla mappa: è delimitato a sud-ovest dal corso del fiume Weser e agli altri lati da una grande area verde contornata da un canale dal caratteristico andamento a zig-zag. Il canale è lo Stadtgraben, il fossato che costeggiava le antiche mura, e l’area verde è il parco di Wallanlagen.

Il lato “interno” del parco è costeggiato dall’Am Wall, la via principale della città. La stazione principale è a pochi minuti di cammino dal parco.

Nella zona a nord-est del centro spicca una grande area verde: il Bürgerpark (il parco più amato dagli abitanti della città).

Come arrivare a Brema

Brema è dotata di un aeroporto internazionale che dista appena 3,5 km dal centro cittadino, il che lo rende l’aeroporto più centrale d’Europa. Da qui il tram n°6 è il mezzo di trasporto più comodo per raggiungere il centro, impiega solo 10 minuti e costa poco più di 2€.

La stazione ferroviaria si trova a soli 10 minuti dal cuore della città e ci sono corse di circa 1 ora per Amburgo e di circa 3 ore per Berlino.

Come sempre l’auto non è necessaria né consigliabile per visitare la città, ma se arrivate in auto potete lasciare l’auto in uno dei parcheggi in centro città (abbastanza cari) oppure fuori dal centro. Il più economico è quello di Silbermannstrasse (zona porto) con una tariffa giornaliera di appena 5 €.

Come muoversi

Il centro di Brema è abbastanza piccolo quindi non sono indispensabili i mezzi pubblici per visitarlo, ad esclusione forse del Bürgerpark che dista poco meno di mezz’ora a piedi dal centro città.

In ogni caso una corsa singola costa poco più di 2€ e potete trovare gli orari sul sito della BSAG, la compagnia che gestisce il trasporto pubblico di Brema.

Brema è città adatta agli amanti della bicicletta in quanto è fornita di una buona rete di piste ciclabili.

Dove dormire

Considerando il fatto che Brema è una piccola città e si può tranquillamente girare a piedi in un week-end, il consiglio è quello di optare per una sistemazione nel centro storico o nelle sue immediate vicinanze così da risparmiare tempo e denaro sui mezzi pubblici.



Booking.com

Cosa vedere a Brema: tour di 1 o 2 giorni

Come già detto, la città si può vistare in un paio di giorni. Qui troverete un tour di un solo giorno che passa dai punti salienti della città, e una proposta per un secondo giorno a Brema che vi farà scoprire qualche altra perla come il Bürgerpark. Per ulteriori informazioni o dettagli sul tour di visita, vedi fondo articolo ⇓⇓⇓

1°giorno: il cuore di Brema.

Partiamo dal simbolo della città ovvero la statua dei 4 “Musicanti di Brema” (Town Musicians).

Se arrivate dal ponte che collega la stazione con il centro storico, la prima piazza che vedrete è quella dove si trova la fontana Marcus-Brunnen e la chiesa evangelista “Unser Lieben Frauen”; proprio dietro la chiesa troverete il celebre monumento ai musicanti. Non sarà difficile trovarlo in quanto perennemente circondato da decine di turisti.

La statua si trova proprio di fronte all’ingresso del Ratskeller, ovvero la cantina del municipio di cui parleremo nel paragrafo “Experience the City” a fine articolo.

scultura dedicata ai musicanti di Brema

Girando intorno all’edificio ci ritroviamo davanti alla facciata del Rathaus (municipio).

È un gioiello architettonico del rinascimento tedesco, uno dei palazzi comunali più belli di tutta la Germania (insieme a quello di Amburgo e di Monaco-neues) e secondi per bellezza solo allo splendido Rathaus di Vienna.

La base della facciata è costituita da un portico con archi decorati. Subito sopra c’è una serie di enormi finestre e, tra di esse, spiccano le statue dei vari sovrani e governanti della città, una su tutte quella di Carlo Magno.

BremenCityHall

Il Rathaus affaccia su Marktplatz, la piazza principale della città, piazza del mercato e centro della vita cittadina, contornata da edifici storici e numerosi bar e locali.

Proprio davanti alla facciata del comune svetta la Statua Rolando.

statua di rolando a Brema

È la “statua della libertà” di Brema, simbolo dell’indipendenza della città, e raffigura il paladino Rolando (o Orlando) che sorregge un enorme scudo recante il simbolo della città.

La colossale statua calcarea è alta più di 10 metri ed è rivolta verso il duomo di Brema, cosa non casuale in quanto ai tempi era sede dell’Arcivescovato, una delle autorità che si erano schierate contro l’indipendenza della città.

Tra i piedi della statua di Rolando potete notare la raffigurazione di uno degli eroi cittadini: lo zoppo del Bürgerpark (vedi paragrafo dedicato).

 

 

Andando verso il duomo, che si intravede nell’angolo est della piazza, date un’occhiata sulla vostra destra: vedrete un “tombino” un po’ particolare, il Bremer Loch. È una specie di salvadanaio dal quale, se inserite una moneta, sentirete provenire il verso di uno dei 4 animali/musicanti simbolo della città. Il denaro così raccolto va alla Wilhelm Kaisen Bürgehilfe, un’associazione di assistenza sociale per la popolazione locale.

tombino salvadanaio a brema fa verso dei musicanti

Sankt Petri Dom (duomo di San Pietro).

Con le sue due torri domina la città. Le parti più antiche hanno ben 1200 anni di storia, ma si possono notare le successive modifiche in diversi stili come le torri neogotiche o il rosone centrale della facciata in stile romanico. Anche gli interni sono molto belli e meritano una visita (visitabile tutti i giorni gratuitamente dalle 10.00 alle 16.30, sabato solo mattina e domenica solo pomeriggio).

Durante la bella stagione (da Pasqua a ottobre) è possibile salire i 265 scalini di una delle due torri per ammirare la città dall’alto.

Bremen Domtürme 19h35 September

Inoltre nelle cripte del Duomo troviamo il Bleikeller (letteralmente “cantina di piombo”), una delle cose davvero uniche, e macabre, di Brema in quanto ospita 8 mummie di personalità importanti della città. Il periodo di apertura è lo stesso della torre, ma se siete impressionabili forse è meglio evitare questa visita.

Sia la torre che il Beikeller sono visitabili, pagando una modica somma, durante gli orari di apertura del duomo.

Uscendo dal duomo potrà capitarvi di vedere persone che sputano a terra. Questo perché proprio qui si trova la Spuckstein (pietra dello sputo).

È una mattonella diversa dalle altre pietra della strada e segna il punto dove nel 1831 venne giustiziata Gesche Gottfred, una serial-killer che avvelenò 15 persone (tra cui figli, mariti e fidanzati) con l’arsenico. Fu l’ultima pubblica esecuzione a Brema.

A fianco dell’entrata del duomo potrete vedere la statua del cancelliere Otto von Bismark a cui viene attribuita l’unificazione della Germania (1871) e della conseguente nascita dell’impero tedesco, il “secondo reich” di cui fu anche primo cancelliere.

Ci dirigiamo verso il Weser passando per Böttcherstrasse, la via dei bottai.

È una delle vie caratteristiche di Brema, lunga appena 110 metri e costeggiata su entrambi i lati da una fila di case in mattoni rossi sulle cui facciate spuntano qua e là bassorilievi, decorazioni e sculture. La strada fu progettata da Ludwig Roselius, inventore del caffè decaffeinato, e fu lui in persona a salvarla dalle autorità naziste che volevano distruggerla in quanto era considerata un esempio di “arte degenerata”.

Boettcherstrasse04

All’inizio del vicolo si fa notare il Lichtbringer: un grande bassorilievo dorato, opera dell’artista Bernhart Hoetger.

Proseguiamo in direzione del Weser e arriviamo al lungofiume Martinianleger, cui fa da sfondo la chiesa di Sankt Martini.

Dopo questa breve deviazione torniamo verso l’interno del centro storico, direzione: Schnoorviertel.

Schnoorviertel.

È il quartiere più antico di Brema, risale addirittura al ‘400 ed è miracolosamente scampato ai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale. Si trova nella zona sud del centro cittadino ed è uno dei quartieri più pittoreschi, costituito da vicoli stretti, casette tutte in fila e una lunga serie di negozietti in cui potrete acquistare souvenir e oggetti di ogni genere o fare una sosta in uno dei tanti localini e bar. Anticamente era abitato principalmente da pescatori e produttori di corde (schnoor).

vie del quartiere shnoor di brema

Proseguiamo il nostro tour passando accanto al bellissimo complesso di edifici che ospita il tribunale (molto bello il cortile interno) e dirigendoci verso il Wallanlagen.

Il Wallanlagen è il parco che circonda il centro storico di Brema, costeggiato su un lato dal fossato Stadtgraben e sull’altro lato dall’AmWall, la via principale del centro, lungo la quale sorgono numerosi edifici culturali (teatri, biblioteche, ecc).

EKT09-Bremen Wallanlagen-1

È un grande e rilassante parco e passeggiando vedrete sentieri ciclabili, piante, aiuole, statue, prati, persone che corrono o si rilassano al sole e alla fine arriverete a quella che è l’attrazione principale del parco ovvero il mulino a vento (il Mühle am Wall), circondato da coloratissime aiuole fiorite. All’interno del mulino c’è un grazioso bar-ristorante dove poter fare una sosta e rilassarsi ammirando il paesaggio circostante.

mulino a vento a brema nel parco wallanlagen

Verso sera, che in estate è molto lunga in quanto il sole non tramonta prima delle 22, è d’obbligo una passeggiata sul lungo fiume Schlachte. Questo vecchio molo oggi ha subito una notevole riqualificazione ed è ricco di localini di vario tipo, ristoranti, pub e bar che lo hanno reso una delle zone centrali del divertimento e dello svago serale per abitanti e turisti.BremenSchlachte-03

Praticamente di fronte al molo si trova un ponte pedonale che conduce alla zona Teerhof; altro esempio di riqualificazione urbana. Gli antichi cantieri navali sono stati trasformati in due file di edifici in mattoni rossi tutti uguali divisi da una sola strada centrale.Teerhof-01

Se avete la possibilità di trascorrere a Brema più di un giorno, sappiate che la vita notturna non vi deluderà

è infatti molto vivace e alla moda, al passo con quella di grandi città europee come Londra e Berlino. La nightlife di Brema si concentra soprattutto nei quartieri Ostertor e Steintor, a sud del centro lungo il corso del Weser.

È inoltre l’insieme di questi due quartiere che costituisce la zona di Das Viertel (il cosiddetto “quartiere degli artisti”) che per comodità abbiamo inserito nel secondo giorno di tour, ma che se passate a Brema una sola giornata dovete assolutamente infilare tra le tappe da non perdere.

2°giorno: il quartiere degli artisti, il Bürgerpark e ….

Das Viertel (il quartiere degli artisti).

BSAG 3004, Ostertorsteinweg, 2016

È una tappa da non perdere. Troverete edifici disseminati di murales e graffiti coloratissimi, alcuni davvero molto belli, stradine con case colorate, piazzette con bar e alberi… Questo è il quartiere più colorato e frizzante della città; vi troverete gallerie d’arte, musica e teatri (l’anima culturale di Brema) accanto a pub, locali aperti tutta la notte e negozietti stravaganti (anima bohemiènne) e persino la zona più “trasgressiva” col quartiere a luci rosse e la lunga serie di negozi e locali punk.

Bürgerpark

scorcio del burgerpark di brema

È un’enorme area verde a poca distanza dal centro storico voluta e finanziata dagli abitanti stessi della città. Secondo la leggenda la contessa Emma Von Lesum decise di concedere alla città il tanto desiderato parco e decretò che avrebbe avuto come perimetro la lunghezza del tragitto che un uomo poteva percorrere dall’alba al tramonto. Il cognato della contessa, preoccupato per il dispendio economico, scelse quindi uno zoppo per misurare tale distanza, ma questi, con un’incredibile forza d’animo, strisciò finché non riuscì a colmare una distanza impensabile per una persona come lui e divenne così un eroe per l’intera città.

Rhododendron Park (parco dei rododendri)

20170522 Rhodopark

Da’ il meglio di sé in tarda primavera (maggio-giugno) durante la fioritura. Nel parco, che si estende per ben 46 ettari, potrete ammirare 550 specie e 2500 varietà di rododendri provenienti da tutto il mondo (dall’Himalaya ai Tropici). È inoltre presente una ricca varietà di azalee (fioritura da marzo a fine aprile).

Aperto tutti i giorni 9.00 – 18.00 e sabato, domenica e festivi dalle 10.00 alle 18.00 – Biglietto singolo adulto €10,50

Per info e biglietti: http://www.botanika-bremen.de/de.html

Universum Bremen

Alternativa al Parco dei Rododendri è l’Universum Centre: un edificio di circa 4000 metri quadri dall’aspetto futuristico che ospita centinaia di installazioni interattive. Grazie a queste il visitatore viene accompagnato alla scoperta della Terra e dell’Universo e può vivere esperienze uniche come la simulazione di un terremoto, un viaggio virtuale su un sommergibile, il labirinto al buio e molte altre…

Aperto tutti i giorni 9.00 – 18.00 e sabato, domenica e festivi dalle 10.00 alle 18.00 – Bilgietti a partire da € 16,00 per adulto (€5,00 per ingressi dopo le 16,30 prenotati per posta).

Per info e bilgietti: https://universum-bremen.de/

Idea alternativa (o per un eventuale giornata extra): Bremerhaven

bremerhaven porto

photo by: click here

Bremerhaven è una città di oltre 100 mila abitanti situata lungo la foce del Weser sul Mare del Nord ed è la sola a fare parte del Land di Brema (oltre ovviamente a Brema stessa). Dista da Brema circa 60 km e 30 minuti di treno (biglietto poco più di 10 €) ed è il porto “di Brema” nonché una delle aree portuali più grandi d’Europa

A Bremerhaven non potete perdere, oltre a una passeggiata nel porto per ammirare il freddo Mare del Nord, il “Klimahaus Bremehaven 8° Ost”:

un centro climatologico che vi farà fare un viaggio lungo l’8° meridiano est e gli ambienti dei paesi che attraversa. Passerete da Alaska, Germania, Svizzera, Italia (Sardegna), Niger, Camerun e Antartide, più le Isole Samoa. Vestitevi in modo adatto ai parecchi e considerevoli sbalzi di temperatura!!!

Orari: sett.-marzo 10.00 – 18.00, apr.-ago 9.00-19.00 (10.00-19.00 nei week-end). Biglietto adulto €14,50. Per info e biglietti https://www.klimahaus-bremerhaven.de/

Altra attrazione è lo zoo direttamente sul mare.

Ospita esclusivamente specie animali adatte all’habitat come orsi polari, leoni marini, volpi artiche, puma di montagna, pinguini, ecc che vivono in uno stato di quasi libertà in quanto gli spazi sono molto ampi se messi in relazione al numero di esemplari presenti.

Biglietto adulto €9,00. Apertura alle 9.00, chiusura alle 16.30 da novembre a febbr., 18.00 a marzo e ottobre, 19.00 da aprile a sett. Per info e biglietti: https://zoo-am-meer-bremerhaven.de/de/startseite.html

Experience the city: oltre il solito tour

Evento da non perdere è il Breminale:

un festival che si svolge ogni anno a luglio all’aperto sulle rive del fiume Weser. Cinque giorni di musica durante i quali si susseguono artisti di vari generi musicali. Sito ufficiale: http://www.breminale-festival.de/

Fiera Freimarkt

si svolge ogni anno in ottobre, dura circa due settimane ed è una delle feste più antiche d’Europa (esiste da quasi 1000 anni). Ospite ogni anno oltre 300 attrazioni di divertimento, centinaia di bancarelle di ogni genere e un grande luna park. Sito ufficiale: https://www.freimarkt.de/

Ratskeller

Se andate a Brema non potete non entrare al Ratskeller. È il ristorante più famoso della città, ma anche una vera e propria attrazione turistica nonché Patrimonio UNESCO. Il ristorante è infatti situato nella cantina del municipio: è la cantina più antica della Germania e custodisce oltre 600 diversi vini, alcuni dei quali pregiatissimi. L’ambiente è molto suggestivo e, al di fuori dell’eventuale pranzo o cena, è sicuramente un luogo da visitare.

rathaus di brema

Non vedi l’ora di partire?! Inizia a programmare il viaggio… clicca qui!!

Per la mappa dell’itinerario dettagliato o qualsiasi altra info, compila il form…sarai presto ricontattato!!

qualunque sia la tua prossima meta…

Booking.com
 

World Nomads

 

noleggia un’auto…

 

Commenta