CHEFCHAOUEN la “perla blu” del Marocco

il tuo viaggio economico, emozionante, unico

CHEFCHAOUEN la “perla blu” del Marocco

18/01/2019 Africa Meraviglie dal Mondo 0

Siamo nell’estremo Nord del Marocco, in quel lembo di terra che si protrae verso settentrione fino a guadare negli occhi l’Europa; appena 100 km a sud di quelle che gli antichi chiamavano “Colonne d’Ercole“, poste idealmente una sulla Rocca di Gibilterra (territorio inglese in terra spagnola) e l’altro nell’attuale Ceuta (territorio spagnolo in terra marocchina). Ed è proprio qui che sorge Chefchaouen, una delle più preziose perle del Marocco che deve la sua bellezza e rarità proprio al suo essere parte di una “terra di confine”.

 Placeholder

Chefchaouen è una tappa che non può assolutamente mancare in nessun viaggio in questo Paese… ma è soltanto una delle sue meraviglie, per scoprirle tutte date un’occhiata a questo spettacolare tour tra i colori e i colori del Marocco

Posta tra le montagne del Rif in una vallata ai piedi della sorgente del fiume Ras el-Ma, questa cittadina ha un aspetto quasi fiabesco. Piccoli e grandi edifici bianchi e color del cielo si inerpicano sul versante della montagna creando un suggestivo contrasto di colori con il verde della vegetazione e il rosso-bruno della terra.
photo by flick

E mano a mano che ci si avvicina alla città vecchia, la meraviglia aumenta… Ogni cosa qui è blu o azzurra: i muri, le porte, le finestre e persino alcune strade… e questo fa sì che ogni angolo, ogni vaso di fiori, ogni tenda colorata, ogni scalinata diventino uno scorcio imperdibilie da immortalare per centinaia di turisti.

La struttura e l’architettura della città ricordano quelle delle città dell’Andalusia (Spagna); furono infatti proprio gli esiliati andalusi (ebrei e musulmani) in fuga dall’Inquisizione a fondarla a fine ‘400.

Sembra che si debba proprio a loro l’inizio dell’usanza di dipingere tutto quanto di azzurro e blu, in quanto nell’ebraismo l’azzurro è il colore che simboleggia il paradiso.

La città fu però per molto tempo considerata “sacra” anche dai musulmani che vi costruirono una moschea e che per molti anni impedirono l’ingresso nella città a tutti i non-fedeli.

Sicuramente se visitate Chefchaouen non potete assolutamente andarvene senza aver acquistato qualche souvenir o oggetto di artigianato in una delle tante e pittoresche botteghe che affacciano sulle viuzze della medina.

tipico mercato marocchino a Chefchaouen

Molto carini sono anche i giardini della Kasbah, posta nel cuore della città proprio di fronte alla moschea.

Chefchaouen les jardins de la kasba

Come arrivare a Chefchaouen

Questa cittadina è raggiungibile comodamente in bus sia da Tangeri (in circa 2,5 ore di viaggio), sia da Fés (circa 4 ore). Potete anche raggiungerla con una delle tante escursioni giornaliere che partono proprio da queste due città. ==> a questo link puoi trovare alcune tra le migliori offerte

Certo è che dovete assolutamente inserirla nel vostro tour del Marocco!! Leggi l’articolo qui per organizzarlo al meglio!!

Il nostro consiglio è comunque quello di trascorrere qui la notte, così da potersi godere lo spettacolo del tramonto che fa sembrare la “città blu” ancora più blu.

 

Booking.com

 

Non vedi l’ora di partire?! Inizia a programmare il tuo viaggio cliccando qui!!!

qualunque sia la tua prossima meta…

Booking.com
 

World Nomads

 

Rentalcars.com

 

 

 

Commenta

Privacy Policy