LISBONA: tra antico e moderno, la capitale europea che guarda l’OCEANO

il tuo viaggio economico, emozionante, unico

LISBONA: tra antico e moderno, la capitale europea che guarda l’OCEANO

26/04/2018 Europa Guide città 0
scorcio del centro storico di Lisbona

In questo articolo troverai:

  • Orientarsi sulla mappa di Lisbona

  • Come arrivare a Lisbona

  • Come muoversi

  • Dove dormire

  • Cosa vedere a Lisbona : tour di 1, 2, o 3 giorni

  • Experience the City, oltre il solito tour

Capitale del Portogallo, Lisbona è l’unica tra le capitali europee ad avere un porto sia sul mare che su un fiume. La città sorge infatti sull’ampia foce del fiume Tago che, oltrepassati i due ponti, si riversa nell’Oceano Atlantico. Questa particolare posizione ha reso Lisbona importante nella storia delle grandi navigazioni: da qui partirono molti viaggi di esplorazione tra cui i più noti quello di Diaz, diretto al Capo di Buona Speranza, e quello di Vasco de Gama alla volta dellIndia. Da allora Lisbona divenne un fiorente centro di scambi commerciali con Asia, Africa e, in seguito, col Sud-America e visse la sua epoca d’oro di cui oggi si possono trovare le testimonianze soprattutto bel quartiere di Belèm.

Oltre che della sua gloriosa storia, Lisbona porta i segni anche di numerose ferite. La più grande tra tutte fu quella del terremoto del 1755 che distrusse l’85% della città causando più di 30.000 vittime.

Sarà il passato tormentato, sarà l’oceano o l’infinità dell’orizzonte…ma tutto a Lisbona è pregno di quel sentimento che i portoghesi chiamano saudade: uno stato d’animo che forse solo un portoghese saprebbe descrivere perché è insito nella storia, nella cultura, nel DNA dei portoghesi: un insieme di malinconia per il passato e speranza per il futuro, una sorta di sognante nostalgia che aleggia nell’aria e che parla di oceano, di infinito, di addii, di partenze senza ritorno e di ritorni inaspettati.

Orientarsi sulla mappa di Lisbona.

Il centro di Lisbona affaccia direttamente sulle rive del Tago ed è proprio sulla sponda del fiume che si trova Praça do Comercio, la piazza più grande della città. Questa piazza è la base della grande “Y” immaginaria formata dalle vie più grandi del centro cittadino. A partire da questa Y possiamo individuare le grandi aree che compongono il centro di Lisbona e cioè: a sinistra della Y troviamo il Bairro Alto e il Chiado, a destra troviamo l’Alfama e il Castillo e infine la “gamba” della Y che, insieme a Praça do Comercio, occupa la zona della Baixa.

Questi sono i 5 quartieri che compongono il centro della città. Altro quartiere di rilievo è, infine, quello di Belèm, dove si trova la torre simbolo di Lisbona e che si sviluppa a ovest del “Ponte 25 Aprile” (il più corto tra i due ponti della città).

Come arrivare a Lisbona.

Lisbona ha un aeroporto internazionale situato circa 7 km a nord della città che offre collegamenti con molte città italiane ed europee.

Dall’aeroporto si raggiunge il centro città tramite

metropolitana. Il mezzo probabilmente più comodo ed economico.

aerobus. Corse ogni 20/25 minuti tutti i giorni dalle 7.30 alle 23.00, collega con varie zone del centro e costa €3,60 (vale per l’intera giornata su tutte le linee aerobus).

bus linea n° 5, 22, 44, 45, 83. Costa €1,20 ma è molto più lento dell’aerobus. Corse anche notturne.

taxi. È consigliabile acquistare il voucher prepagato agli sportelli dell’Ente Turismo Lisbona nella zona arrivi dell’aeroporto. Sono disponibili voucher per ogni orario e destinazione a partire da 12€.

Come muoversi

Dando per scontato, come in quasi tutte le mie guide “cittadine”, che l’auto non la si usa… il miglior mezzo di trasporto per girare la città sono, come sempre, i piedi. Passeggiare per le vie infatti è l’unico modo per carpire tutte le bellezze della città. C’è però da dire che Lisbona è situata in una zona collinare e quindi piena di saliscendi che la rendono faticosa da visitare a piedi.

I mezzi pubblici di Lisbona più famosi sono i tram, soprattutto il mitico tram turistico 28 che costa €1,20 e attraversa tutto il quartiere Alfama passando accanto ad alcune tra le attrazioni più importanti della città.

Il mezzo più indicato e comodo per spostarsi nel centro è sicuramente la metro. È attiva tutti i giorni dalle 6.30 all’1.00 e un biglietto singolo costa 0,70€. Alcune stazioni sono situate in edifici stupendi o decorate da fantastici azulejos.

Più indicati per le zone periferiche (e per orari notturni) sono i bus: dalle 20.45 alle 5.30 circolano i bus notturni, e negli altri orari i diurni. Un biglietto costa €0,75 se acquistato in anticipo o€1,20 se acquistato direttamente a bordo.

Lisbona ha inoltre 3 funicolari, vari servizi di battelli che navigano sul Tago e il famoso ascensore “Elevador de Santa Lucia” che collega la Baixa e il Bairro Alto ed è considerato un monumento a tutti gli effetti. I battelli turistici partono per lo più da vicino Praça do Comercio.

È possibile acquistare il biglietto giornaliero valido per tutti i mezzi a 6€.

È inoltre possibile acquistare la LisboaCard direttamente in città oppure sul sito www.lisboacard.org . La carta include viaggi illimitati sui mezzi pubblici urbani (+ treni per Sintra e Cascais), accesso gratuito a 26 attrazioni (tra cui Torre di Belèm, Monastero Jeronimòs e Elevador Santa Justa), guida turistica e coupon sconto per vari negozi, musei e locali della città. Il costo (online) è di €19 per 24 h, €32 per 48 h ed €40 per 72 h.

Dove dormire

Lisbona offre un’ampia scelta di strutture di vario tipo per soggiornare, tutte abbastanza economiche: un buon appartamento in centro per due in alta stagione costa sui 60€ a notte. Tra le varie sistemazioni quelle presenti in maggior numero sono gli appartamenti e monolocali.

Le zone migliori per alloggiare sono la Baixa e il Chiado per visitare il centro, Praça do Rossio per chi vuole essere comodo ai trasporti anche per i dintorni della città e Bairro Alto per chi è in cerca di divertimento e movida.



Booking.com

Cosa vedere a Lisbona: tour di 2 o 3 giorni

Visitare Lisbona in un solo giorno è pressoché impossibile, perciò il nostro tour prevede due giorni pieni da dedicare interamente al centro e una serie di spunti per attività e attrazioni con cui riempire un eventuale 3° (e 4°, 5°, 6°) giorno…perché questa città è piena di sorprese ed è inoltre un ottimo punto di partenza per visitare le zone limitrofe, davvero stupende.

1°giorno: Alfama e Baixa, le due anime della città.

Il nostro tour parte dal cuore di Lisbona: l’Alfama, uno dei quartieri più antichi, attraversato interamente dal mitico tram 28 e dove sorge il castello che domina dall’alto la città.

Castello di Sao Jorge.

Orari: Nov.-Feb. Dalle 9.00 alle 18.00, Marzo-Ott. Dalle 9.00 alle 21.00

prezzo adulto: €8,50 (-20% possessori LisboaCard)

durata visita: 3-3,5 ore

È visibile da qualunque punto della città…e dal suo Belvedere si gode di una vista mozzafiato a 360° sui tetti di Lisbona e sul Tago, è infatti il punto panoramico più alto di tutta la città.

Costruito dai Mori nella prima metà del XI secolo come fortezza militare, ha un aspetto imponente e suggestivo con le sue possenti mura merlate, i suoi ampi bastioni e i suoi silenziosi giardini. Nel ‘300 venne trasformato in un palazzo reale, come testimoniano gli edifici che ospitano l’esposizione permanente sulla storia di Lisbona, la caffetteria e il ristorante.

Nella Torre di Ulisse si trova la Camera Oscura: un periscopio che permette di scrutare ogni angolo della città e che costituisce una delle attrazioni più amate dai visitatori. Troviamo infine i giardini e i viali alberati che donano un po’ di fresco ristoro nelle giornate estive. Retaggio degli antichi giardini reali, ospitano varie specie tra cui ulivi, pini marittimi e carrube.

Se partecipate a un tour guidato, avrete accesso anche al sito archeologico dove si trovano reperti di varie epoche (i più antichi sono del VII secolo a.C.).

Scendendo dal castello e passeggiando tra le vie dell’Alfama, incontreremo diversi punti d’interesse:

Miradouro das Portas Do Sol e Miradouro de Santa Lucia. Due punti panoramici che regalano scorci meravigliosi.

cattedrale di Lisbona (Sè de Lisboa). È la chiesa più antica del Portogallo. La facciata in stile romanico è decorata da un grande rosone e dalle due torri campanarie merlate. Inoltre troviamo il chiostro con numerosi reperti storici e il tesoro della cattedrale: raccolta di cesti, gioielli e reliquie.

Cattedrale visitabile tutti i giorni dalle 9.00 alle 19.00 gratuitamente; chiostro €2,50 dalle 10.00 alle 18.00; tesoro €2,50 dalle 10.00 alle 17.00 nei giorni feriali.

– igreja de Santo Antònio.

Il tour prosegue nel quartiere Baixa, ricostruito in pieno stile illuminista dopo il terremoto del 1755. si parte da Praça do Comercio.

È la zona più importante della città. Prima del terremoto era occupata dal palazzo reale, oggi è invece una grande piazza contornata su tre lati da edifici con lunghi porticati e col quarto lato (quello sud) che affaccia sul Tago.

Al suo interno troviamo la statua equestre di Re Giuseppe I (che era Re nel periodo in cui ci fu il terremoto) e l’arco da Rua Augusta (sul quale si può salire): l’arco di trionfo che da’ accesso a Rua Augusta, la via più importante del quartiere, interamente lastricata e decorata “a mosaico”.

Da qui camminiamo tra le vie della Baixa fino a raggiungere l’altra estremità del quartiere dove troviamo Praça Dom Pedro IV (meglio nota come Praça do Rossio). È la zona più vivace della città, piena di bar ristoranti e localini. Una particolarità è data dalla pavimentazione della piazza che raffigura un’infinita serie di onde bianche e nere. Nella piazza possiamo vedere la statua di re Dom Pedro IV, due grandi fontane, il Teatro Nacional D. Maria II e la stazione ferroviaria Rossio con la sua imponente facciata.

La sera rimaniamo in zona Baixa dove potrete trovare ogni tipo di divertimento. Perdetevi tra le vie del quartiere ascoltando il suono del Fado (antico canto di “dolore” delle mogli dei marinai che partivano) proveniente dai molti locali che offrono questo spettacolo.

Non lontano da Praça do Comercio si trova una delle vie della movida della città: Rua Nova Do Cavalho, la riconoscerete facilmente in quanto l’asfalto è completamente rosa (o meglio rosa sbiadito).

2°giorno: Chiado, Bairro Alto e Belèm

Per raggiungere il punto d’inizio del nostro tour utilizzeremo l’Elevador de Santa Justa.

Si trova nella Baixa, poco distante da Praça do Rossio ed è una meraviglia dell’architettura dell’era industriale, con esterni in ferro battuto che formano decorazioni in stile neo-gotico. All’interno, sontuosi carrelli in legno lucidato trasportano i visitatori al quartiere superiore: il Chiado. L’ascensore è in funzione tutti i giorni dalle 7.00 alle 23.00, costa €2,80 (compreso in molti abbonamenti per mezzi pubblici) e percorre un dislivello di 45 metri.

Come dicevamo, l’ascensore ci porta nella zona del Chiado e del Bairro Alto. Qui troviamo:

Convento do Carmo. Quasi interamente distrutto dal grande terremoto, è stato lasciato così come memoriale della tragedia che colpì la città. È un luogo ricco di fascino e si può visitare dal lunedì al sabato dalle 10.00 alle 18.00 al prezzo di 4€. (è compreso nella LisboaCard)

Igreja Sao Roque. l’austera facciata nasconde un interno sfarzoso, riccamente decorato con marmi, azulejos, opere pittoriche e decorazioni in legno dorato. Uno spettacolo da non perdere, visitabile dal martedì alla domenica dalle 8.30 alle 17.00.

Miradouro Sao Pedro de Alcantara. Un’oasi di verde con una romantica fontana dove fare una pausa ristoratrice e ammirare uno dei tanti stupendi panorami di Lisbona.

Da qui si torna indietro passeggiando tra le vie del Bairro Alto fino ad arrivare a Praça Luis de Camoes, dove svetta la statua dedicata all’omonimo scrittore e che segna il confine tra Bairro Alto e Chiado. Non lontano da qui troviamo il Cafè A Brasileira: un caffè storico della città dove gustare il vero caffè portoghese in compagnia della statua di F. Pessoa, il famoso poeta perdutamente innamorato di questa città.

Prossima tappa del nostro tour è il quartiere Belèm: si può raggiungere comodamente col tram 15, col treno per Cascais o con varie linee di bus e i suoi edifici simbolo sono la Torre di Belèm e il Monastero dos Jerònimos, entrambi in stile manuelino (declinazione dello stile gotico caratteristica del Portogallo di fine ‘400 inizio’500; prende il nome da Re Manuel I che regnava in quel periodo).

Torre di Belèm.

Orari: Ott.-Apr. 10.00-17.00, Maggio-Sett. 10.00-18.30, chiuso lunedì e festività.

prezzi adulto: €6 (€12 combinato con Monastero J.)

Costruita a inizio ‘500 e dichiarata Patrimonio UNESCO nel 1983, la torre di trova sul Tago ed è collegata alla terra ferma da una sottile striscia di sabbia semi-sommersa e da una passerella. Essendo una torre fortificata costruita ad uso militare è piuttosto spoglia al suo interno ma è comunque ricca di fascino.

Monastero dos Jerònimos.

Orari: uguali a quelli della torre

prezzi adulto: 10€ (12€ combinati con torre)

durata visita: circa 1,5 ore

Costruito insieme alla Torre e Patrimonio UNESCO dal 1983, il monastero è un’ostentazione della ricchezza portoghese dell’epoca e fu costruito per celebrare il ritorno di Vasco De Gama dal suo viaggio in India. Al suo interno troveremo:

chiesa di Santa Maria. Di aspetto gotico, ha 3 navate di uguale altezza divise da 6 colonne scolpite. Al suo interno custodisce le tombe di Vasco De Gama e del poeta L. Camoes.

Chiostro. Uno dei più belli d’Europa, ha pianta quadrata di 55 metri di lato e per ognuno di essi troviamo due ordini di finestre bifore. È un trionfo di decorazioni manueline, con rilievi, medaglioni e nervature in pietra dorata di Alcantara che, con la luce calda del sole, conferiscono splendidi riflessi color miele all’edificio.

Portali riccamente decorati. Il principale (quello d’ingresso) è rivolto a est e raffigura, nella parte superiore, la nascita di cristo con l’adorazione dei magi.

Nella zona troviamo inoltre tre parchi pubblici molto belli dove poter fare una sosta relax. In ordine sono:

Jardim Praça do Imperio. Proprio di fronte al monastero. Attraversando la strada, si raggiunge il Padrao dos Descobrimentos: un monumento eretto a metà del ‘900 come omaggio alle scoperte geografiche raffigurante una nave pronta a salpare con a bordo tutte le figure storiche portoghesi: re, esploratori, poeti, monaci, cartografi, ecc. al suo interno c’è un museo multimediale dal quale si accede alla terrazza superiore. L’ingresso costa 10€ (adulto) ed è aperto dalle 10.00 alle 18.00 (19.00 in estate) dal martedì alla domenica.

Jardim de Belèm

Jardim Alfonso de Albuquerque.

A questo punto potete tornare direttamente indietro oppure raggiungere i Jardim da Estrela dove potrete prendere il Tram 28 per raggiungere il centro città nel modo più “turistico” che ci sia a Lisbona.

La sera, per rimanere in zona, possiamo fare un salto al vecchio Porto di Santo Amaro, ai piedi del Ponte 25 Aprile. I vecchi magazzini sono stati trasformati in eleganti bar, ristoranti e locali che la sera rendono la zona un vero paradiso per i party.

3°giorno: gli altri volti di Lisbona

Per il terzo giorno a Lisbona avete varie possibilità (anche a seconda della stagione):
  1. dedicare la giornata al relax, magari in una delle spiagge della vicina e iper-turistica Cascais (raggiungibile col treno da Cais de Sodre);

  2. gita a Sintra: un affascinante paese con numerosi edifici storici molto particolari. Si raggiunge in 45 minuti di treno dalla stazione di Rossio e merita davvero una visita!

  3. Visita al Parque das Nacoes, costruito per Expo ’98 e oggi trasformato in un quartiere ultra-moderno. Vi troverete un centro commerciale, molti locali eccellenti ma economici, giardini con cascate e giochi d’acqua, una funivia che sorvola tutta la zona e l’Oceanario (bellissimo acquario aperto tutti i giorni dalle 10.00 alle 19.00 (le 20.00 in estate), visitabile al costo di € 15 per adulto).

    Da qui potete ammirare il Ponte Vasco Da Gama, costruito in occasione dell’Expo: è tutt’oggi il ponte più lungo d’Europa, e ve ne accorgerete se vi capiterà di attraversarlo come abbiamo fatto noi alla partenza del nostro viaggio on the road in Portogallo. 

  1. Passeggiata in Avenida Liberdade: la via dello shopping di lusso a Lisbona. Per chi è stato a Barcellona, ricorda un po’ Passeig de Gràcia. Si parte da Praça dos Restauradores (poco a nord di Praça do Rossio) e si sale verso Praça Marquês de Pombal dove la nera statua del Marquês svetta in cima ad una altissima colonna bianca.

    Passeggiando per il viale alberato, oltre ai moltissimi negozi, troverete anche vari monumenti e statue dedicate a personaggi storici portoghesi.

    Oltrepassata Praça Pombal, vi ritroverete in Parque Eduardo VII, una grande area verde dove spesso vengono organizzati eventi di vario tipo e dove si trovano anche un tennis club e un bellissimo giardino botanico (Estufa fria). Risalendo tutto il parco arriverete infine ai Jardim Amalia Rodriguez, dove una grande fontana e un dolce pendio erboso vi offriranno un po’ di meritato relax con panorama su Lisbona e sul Tago.

Per l’ultima serata abbiamo conservato la perla della Lisbona notturna: il Bairro Alto. Qui la sera le vie si riempono di persone di ogni tipo ed età che si divertono fino a tarda notte. Ci sono locali per tutti i gusti e tutte le tasche, rimane solo l’imbarazzo della scelta!

Experience the city: oltre il solito tour

Qualcosa di diverso da fare a Lisbona? Magari per allontanarsi un po’ dalle grandi masse di turisti?! Due spunti:

  1. traghetto per Cacilhas. Un’ottima alternativa ai battelli che offrono giri turistici (costosi) sul Tago. Potete prendere questo traghetto a Cais de Sodre al costo di appena €2,50 A/R e godervi la veduta di Lisbona dal Tago.

Giunti sull’altra sponda potete fare una breve passeggiata lungo il molo dove potrete ammirare un sommergibile e visitare la Fragata D. Ferdinando II e Glòria”, l’ultimo galeone costruito per la marina portoghese. Dal terminal potete prendere per 2€ un bus diretto al colle dove si trova il monumento del Cristo Rei (ispirato al Cristo di Rio de Janeiro).

  1. Costa da Caparica. Dimenticate le spiagge affollatissime di Cascais, questa spiaggia è una lingua di sabbia bianchissima che si stende a perdita d’occhio per chilometri e chilometri. Potete raggiungere questa zona con un qualsiasi bus da Cacilhas per “Costa da Caparica”. Una volta raggiunta l’omonima cittadina, scendete, comprate il pranzo al sacco e dirigetevi (10 minuti a piedi) al capolinea del Transpraia, il mitico trenino “giocattolo” che attraversa ben 21 spiagge con altrettante fermate. Avrete di fronte a voi una distesa così sterminata di sabbia e mare che dimenticherete completamente di essere ad appena mezz’ora di viaggio da una capitale europea. (Controllate che il servizio sia in funzione perché ogni anno si vocifera di una sua eventuale chiusura).

Non vedi l’ora di partire?!?! Inizia a programmare il tuo prossimo viaggio!! Clicca qui!!!!!

Richiedi la tua economica Guida Step-by-Step visitando la pagina “Attività & Guide”

 

Commenta

Privacy Policy